LINCE

Stato di conservazione

La Lince pardina è una specie di lince originaria della penisola iberica, attualmente in pericolo di estinzione. Esclusiva dei boschi mediterranei a bassa quota della Penisola Iberica, è molto simile alla lince europea, ma di mole un poco inferiore. Il mantello è fittamente maculato anche sul dorso e sui fianchi. Predatrice di abitudini notturne, si ciba prevalentemente di uccelli e piccoli mammiferi, in particolare conigli selvatici, ma attacca anche cerbiatti e giovani mufloni. La stagione dell’accoppiamento va da gennaio a luglio; dopo una gestazione di 2 mesi nascono da 1 a 5 cuccioli, di cui la madre si prende cura per circa un anno. Quando la femmina è pronta per una nuova gravidanza smette di curare la prole che, ormai indipendente, resta però nello stesso territorio per altri 20 mesi prima di iniziare la ricerca di un proprio terreno di caccia.

SCIACALLO DORATO

Stato di conservazione

Lo Sciacallo dorato è un canide lupino di medie dimensioni diffuso in Europa sud-orientale, Medio Oriente e Asia sud-orientale. È una specie sociale che vive in famiglie nucleari che consistono di coppie accompagnate dai loro cuccioli. Si tratta di un animale molto adattabile, capace di sfruttare numerose fonti di cibo, dai frutti e gli insetti fino ai piccoli ungulati. Il suo mantello invernale differisce da quello del lupo per le sue sfumature più fulve-rossicce. Lo sciacallo gioca un ruolo importante nel folclore e nella letteratura mediorientale e asiatica, dove viene spesso raffigurato come un ingannatore, analogo della volpe e del coyote nelle fiabe europee e nordamericane.