ZIGOLO

Stato di conservazione

Lo Zigolo giallo è la specie di zigolo più diffusa e più frequente in Europa e vive di preferenza nei paesaggi agricoli con siepi, frutteti, campi e prati. Già all’inizio della primavera il maschio fa risuonare il suo semplice canto ci-ci-ci-ci-ci-ci….ciuii. Un tempo, i disboscamenti, la campicoltura tradizionale e la tenuta dei cavalli avevano fortemente favorito lo Zigolo giallo, tuttavia questi tempi d’oro sono ormai finiti e la conservazione della specie dipende oggi da un’utilizzazione del suolo orientata anche verso la protezione della biodiversità.

ORTOLANO

Stato di conservazione

Questo uccello era relativamente diffuso in Sardegna prima che venissero bonificate le paludi ivi presenti, dove era definito con il nome locale di boi forraiu (letteralmente bue fornaio) a causa del richiamo cupo e cavernoso. Proprio per via della voce terrificante, interpretata come la voce dei morti dall’oltretomba, questo animale era temuto e considerato foriero di sventure. Il tarabuso è uno degli uccelli capace di fare il booming, ovvero una vocalizzazione a bocca chiusa generata dal flusso d’aria che passa per i L’Ortolano ha iniziato a diffondersi in Europa solo nel 17esimo secolo. Oggi occupa quasi tutto il Continente ma in molte regioni è diffuso solo in modo irregolare e, dagli anni sessanta, subisce un forte crollo degli effettivi. Dopo quasi cinque mesi nei luoghi di nidificazione, quale unica specie prettamente migratrice tra gli zigoli che nidificano da noi, parte per i suoi quartieri invernali africani.